Tasso d'interesse

Tasso d’interesse: come si determina

Tasso d'interesse
Nell’ambito finanziario è importante avere sempre sotto controllo i propri investimenti.
Calcolare il tasso d’interesse su una operazione finanziaria è fondamentale per avere reale contezza della convenienza della stessa.
Vediamo insieme come calcolare il tasso di interesse a partire dagli elementi noti dell’operazione finanziaria in oggetto.
Ti può essere particolarmente utile in caso di mutuo, prestito o leasing o nell’eventualità di un deposito vincolato.

Tasso di interesse: che cos’è?

Innanzitutto occorre definire che cosa intendiamo con il termine interesse.
In caso di un finanziamento, ad esempio, si definisce interesse il costo da sostenere per l’agevolazione finanziaria ottenuta. In parole povere si tratta della somma spettante all’individuo o ente prestatore per il servizio erogato.

Diversa è la questione degli interessi sui depositi. In quel caso è la banca che sottoscrive un accordo su un ammontare di denaro prestabilito e che viene vincolato per un numero concordato di anni, fruttando all’investitore un tasso fisso o variabile. Scegliendo dunque una tipologia di conto vincolata presso la tua banca, puoi ottenere nel tempo un tasso di interesse piuttosto vantaggioso.

Bisogna dunque distinguere tassi fissi da tassi variabili. I primi restano immutati nel tempo, per tutta la durata prestabilita dal contratto; i secondi invece se da un lato possono consentire un risparmio al variare del tasso possono al contempo essere un fattore di rischio non indifferente. Le fluttuazioni dei tassi possono infatti essere sia favorevoli che sfavorevoli e non è facile prevederle in anticipo.

TAN E TAEG: cosa sono?

Per determinare il tasso di interesse su un prodotto finanziario è necessario conoscere la terminologia specifica del settore.
Con Tan si intende il Tasso Annuo Nominale, ovvero il tasso di interesse relativo esclusivamente al prodotto finanziario di cui stiamo usufruendo. In questo calcolo dunque non vengono messi in conto i costi accessori di gestione del conto o ulteriori oneri. Si tratta dunque di un valore strettamente legato al prodotto finanziario preso in esame, ma che non tiene conto delle variabili accessorie.

Il Taeg invece è il tasso di interesse effettivo che tiene conto di tutti gli oneri finanziari collegati all’operazione. Tutte le commissioni vengono calcolate in questo tasso, per avere una panoramica più precisa.
Da normativa europea del 2008 devono essere calcolati nel Taeg anche gli oneri spettanti all’intermediario del credito.

Calcolare il tasso di interesse: come si fa?

Come calcolare il tasso di interesse
Ci sono delle formule che a partire dai dati in nostro possesso ci consentono di calcolare con precisione i tassi di interesse, per avere un’idea reale di ciò che comporta la richiesta di un prestito in termini economici, o gli eventuali benefici di un deposito vincolato in banca.

Per poter calcolare il tasso di interesse ti occorre avere alcuni dati a disposizione: tipologia di prestito e entità dello stesso, periodo di tempo concordato, percentuale di interesse.
A partire da questi dati puoi usufruire di una semplice formula:

I= ( C x R x T/100) / 365

I = interesse
C = capitale
R = tasso di interesse concordato con la banca
T = Tempo
100 = unità di misura usata come base di calcolo
365 = un anno

Applicando questa formula ai dati in tuo possesso puoi con semplicità capire il tasso dovuto alla banca per il finanziamento o l’importo che il deposito vincolato può maturare nel tempo.

Seppur siano disponibili online diverse applicazioni che ti consentono di calcolare automaticamente il tasso di interesse, può essere utile per una controprova saper verificare autonomamente mediante formula.
Questo ti consente di poter programmare i tuoi investimenti in maniera precisa e consapevole, senza incorrere in brutte sorprese e poterti interfacciare con l’intermediario del credito con maggiore cognizione di causa.
Possedere le competenze di base in ambito economico ti permette di comprendere a pieno vantaggi e rischi delle operazioni che sottoscrivi e di ottenere le condizioni più vantaggiose.

Leggi anche: Spread trading online, cos’è e come funziona