trading materie prime

Come fare trading con materie prime: investimenti e guadagni

Le materie prime sono delle risorse naturali che vengono vendute per essere utilizzate in maniera grezza oppure da sottoporre a diversi tipi di lavorazione.

Le materie prime comprendono tutto ciò che si può coltivare, come il grano, la frutta e la verdura, ma anche tutto ciò che si può estrarre, come oro, petrolio e minerali.

Trading delle materie prime: come avviene

Si può definire il trading delle materie prime come un mercato di nicchia, perché le materie prime vengono commercializzate principalmente da chi ne è responsabile della coltura o della estrazione.

Il mercato delle commodities, ossia delle materie prime, viene caratterizzato dai futures, che sono dei contratti stipulati dal produttore e dall’acquirente. I futures prevedono la scelta del prezzo al quale verrà venduta la materia prima di quando sarà possibile coglierla o estrarla. Questi contratti vengono stipulati molto prima che ciò accada e garantiscono un blocco del prezzo della materia prima, per garantire anche un equilibrio nel mercato stabilendo un prezzo unico.

I futures sono fondamentali perché i prezzi delle materie prime sono molto variabili. Dipendono fortemente da fattori esterni come le temperature e le condizioni atmosferiche per quanto riguarda le colture, o le condizioni socio-economiche per le estrazioni.

In contrapposizione ai futures troviamo i Contratti Per Differenza (Contracts for Difference – CFD).

La scelta di questo tipo di contratto avviene in seguito alla variabilità della produzione delle materie prime e, di conseguenza, sul prezzo finale.

Con questa tipologia di contratto, chi acquista fa una stima di quello che sarà il prezzo della materia prima nel momento in cui sarà pronta a essere venduta. Se il valore sarà superiore, allora l’acquirente guadagnerà la differenza, in caso contrario perderà ciò che aveva stabilito a favore del venditore.

Leggi anche: Commodities trading, che cos’è

Trading delle materie prime: investimenti

A differenza dell’acquisto delle azioni e di altri aspetti finanziari simili, il mercato delle materie prime è molto più semplice e concreto.

Infatti è la prima tipologia di mercato che sia mai esistita: scambio di materie prime per una somma di denaro.

Molti investitori scelgono questo campo sia per arricchire il proprio portafoglio di investimenti, sia per iniziare ad approcciarsi al mondo della finanza.

È un investimento facile e sicuro. Si investe su qualcosa che serve davvero perché le materie prime in questione sono destinate al consumo quotidiano da parte di ognuno di noi, come latte, farina, zucchero o caffè; oppure subiranno una lavorazione per creare beni finiti come il petrolio.

Le materie prime su cui è consigliabile concentrare i propri investimenti sono ad esempio oro, petrolio e caffè.
Sono tre materie prime diverse tra di loro, ma ognuna di esse dà delle garanzie.
L’oro è una protezione per tutti i possedimenti dell’investitore.
Il petrolio, a causa della situazione socio-politica presente nel luogo in cui viene estratto, subisce forti variazioni di prezzo, garantendo anche guadagni elevati.
Il caffè, così come i prodotti articoli affini ha una domanda costante e viene venduto ad acquirenti locali che lo rivendono alle aziende più importante. Questo passaggio evita che vi siano grandi manipolazioni del prezzo.

Trading delle materie prime: guadagni

Come abbiamo detto, il mercato delle materie prime non è sempre uguale. È semplice investire in questo settore, ma per potersi garantire dei solidi guadagni bisogna sapere come, quanto ma soprattutto quando investire. In questo modo i guadagni possono essere anche molto elevati.

Generalmente, le materie prime variano in base alle condizioni atmosferiche dovute alla stagionalità. L’investimento deve quindi essere fatto in relazione al periodo in cui avverrà la coltura.

Per gli investimenti di beni rifugio, è fondamentale restare aggiornati sull’andamento sociale, politico ed economico locale e anche l’andamento del dollaro: tutte le materie prime vengono commercializzate con questa valuta.