Tassazione e investimenti alle Canarie: consigli pratici

Tassazione e investimenti alle Canarie: consigli pratici
Tabella dei Contenuti

Nel post di oggi voglio parlarti di tassazione e investimenti alle Canarie.

Capita spesso che molte persone vogliano cambiare la loro vita da un momento all’altro, prendere e stravolgere tutto ciò che conoscono per affrontare un’esperienza del tutto nuova.

A volte questa soddisfazione la trovano proprio nella migrazione verso un altro paese, come ad esempio verso le Canarie.
Infatti sempre più di frequente le persone decidono di trasferirsi in questo magico posto, che si tratti di giovani in cerca di fortuna o novità oppure che si tratti di pensionati che vogliono potersi rilassare.

Una cosa è certa, prima di partire verso una meta sconosciuta, bisogna conoscerne alcuni aspetti o potrebbero insorgere parecchie delusioni dopo il trasferimento.

In questo caso ti parlerò di una delle motivazioni che più spinge le persone ad investire o nel migrare verso le Canarie: ti darò dei consigli pratici su tassazione e investimenti alle Canarie.

Tassazione alle Canarie

Quando si pensa di partire per un determinato paese è molto utile conoscerne gli aspetti politici ed economici, infatti quest’ultimi potrebbero permetterti di trovarti letteralmente all’interno di un paradiso oppure potresti pentirti amaramente di essere partito.

Parlando delle Canarie, è molto utile sapere che si tratta di uno dei paesi spagnoli in cui l’economia segna ogni anno in positivo, ciò dipende dal fatto che si tratti di una paese per lo più visitato da turisti e da un po’ meno residenti stabili.

Inoltre le Canarie sono uno dei paesi con maggiore ricchezza e minori imposte fiscali. Non a caso alcune di queste isole vengono predilette per passarvici la vecchiaia senza alcun disturbo.

Quando si arriva alle Canarie, bisogna sapere che non si paga alcuna imposta fiscale fin-quando non si ha una vera e propria residenza fisica presso queste isole. Attraverso un accordo stipulato alcuni anni fa, nel caso in cui un italiano decidesse di trasferirsi alle Canarie, non dovrebbe pagare una doppia tassazione ma solo quella del paese in cui effettivamente risiede.

In questo caso, trasferendosi alle Canarie si andrebbe incontro ad imposte fiscali decisamente meno care.

Consigli per effettuare dei buoni investimenti alle Canarie

Nel momento in cui si decide di andare alle Canarie, è bene studiare un piano dettagliato di ciò che si desidera fare in questo nuovo paese per pagarsi le spese future. In questo caso vorrei parlarti di una delle soluzioni che viene più scelta dai nuovi arrivati: l’investimento.

I settori in cui si investe di più presso le Canarie sono senza dubbio il settore del turismo, la ristorazione, il web e piccoli punti vendita (negozietti, bar, etc…). Inoltre devi sapere che per favorire lo sviluppo economico del paese, le Canarie mettono a disposizione degli investitori degli incentivi fiscali non di poco conto.

Una di queste è la RIC, Riserva per gli Investimenti alle Canarie, questo incentivo fiscale ti permette di conserva alla fine dell’anno una parte del tuo utile (differenza tra ricavo/spese) e non pagarne le tasse.

La seconda è invece la DIC, Deduzione per Investimenti alle Canarie, quest’ultima invece permette di detrarre fino ad un terzo delle tasse da pagare e accantonarle.

Entrambi gli incentivi fiscali nascono con il solo scopo di favorire gli investimenti presso le isole, infatti si tratta di uno dei migliori metodi per sollevare l’economia di un paese.

Dove investire alle Canarie

Anche la scelta del luogo presso cui investire potrebbe diventare insidiosa, ecco quindi alcuni consigli su dove conviene investire alle Canarie.

Sicuramente in prima posizione, vi è Gran Canaria, una delle isole più grandi dell’arcipelago e nota per le incredibili possibilità che si hanno al suo interno. Investendo in questa località otterrai ottimi risultati, specialmente se investi sul turismo giovanile!

Se invece vuoi portare avanti un tipo di investimento più propenso a favorire relax e calma, ti consiglio di concentrarti sulle piccole isole.

Inoltre è possibile entrare a far parte di uno speciale progetto d’investimento che prende il nome di consorzio ZEC (o Zona Especial Canaria). Investendo 100.000 euro in una delle isole maggiori con l’assunzione di almeno 5 dipendenti e altri 50.000 euro in una delle isole minori con almeno 3 dipendenti assunti, potrai accedere a questo piano di sviluppo economico. Questo articolo sulla tassazione e investimenti alle Canarie ti è stato utile? Condividilo con chi ne potrebbe avere bisogno. Leggi anche il post sul perché conviene investire in ETF.