Aumento dell’alluminio: le ragioni e le soluzioni

aumento dell'alluminio come sfruttarlo
Tabella dei Contenuti

In questi mesi stiamo assistendo ad un nuovo massimo storico per quanto riguarda l’aumento del prezzo dell’alluminio e vogliamo quindi analizzare le ragioni che hanno portato a questo fenomeno per poi trovare delle soluzioni efficaci per gestire tale rincaro.

Vediamo allora quanto è valutato l’alluminio oggi, quanto costa produrlo e come far fronte a questo forte rialzo.

Aumento del costo dell’alluminio

Si tratta di una delle industrie fra le più strategiche per realizzare la transizione ecologica, ma il suo rincaro notevole sta creando un serio problema.

A febbraio di quest’anno le quotazioni di tale prodotto hanno superato i 2.900 euro a tonnellata, un valore notevole se consideriamo che fino a qualche anno prima della pandemia, si aggirava intorno ai 1.500 euro a tonnellata.

Essendo il metallo del futuro capiamo bene come la sua disponibilità sia necessaria e indispensabile per tantissimi settori ma purtroppo la sua produzione sta diminuendo e i costi diventano sempre più proibitivi.

Dal 2008 non si era mai visto un rincaro così elevato con un rialzo del 3,3% che tocca i 3.380 dollari.

Dal 2021 al 2022 il suo prezzo è aumentato del 53%, una crescita notevole.

il prezzo dell'alluminio è aumentato del 53%

Ma vediamo in termini pratici i valori.

Quanto costa un kg di alluminio?

Facendo riferimento a fonti ufficiali, a fine luglio 2022 l’alluminio nei cavi è quotato a 3.579 euro a tonnellata (a marzo ha toccato punte di 4.764 euro/ton) e quello LME a 2.401 euro a tonnellata (a marzo 3.659 euro/ton).

Al chilo costa circa 2,470 euro.

Perché è aumentato il prezzo dell’alluminio

Le cause e le ragioni che hanno portato a questo rincaro così evidente sono molteplici ed ora le vediamo nel dettaglio.

Pandemia

Sicuramente la pandemia di Covid-19 ha messo in ginocchio molti settori e ha generato un aumento dei costi e dei prezzi per tantissimi prodotti, materie prime, generi alimentari e molto altro, compreso l’alluminio. Puoi approfondire qui.

Alti costi energetici

Tra i motivi principali di questo aumento ci sono proprio gli elevati costi dell’energia che vanno quindi a produrre tensioni sul prezzo di questo preziosissimo metallo leggero.

Gli elevati costi energetici in Asia e in Europa stanno influenzando ogni singolo cittadino e tantissimi settori e produzioni, compresa quella di questo metallo prezioso.

Blocco produzione

In Cina, precisamente nella città di Baise è stata bloccata la sua produzione e questo ha generato paure per l’eventuale carenza di materiale portando quindi ad una crescita del costo a livello dei mercati finanziari.

La sua produzione continua a diminuire anche a seguito della chiusura di tante fonderie in Europa proprio a causa dei costi energetici elevati che molti produttori non riescono più a sostenere.

Queste interruzioni non programmate nella produzione hanno decisamente contribuito ad elevare in maniera evidente i prezzi spot di questo metallo.

Guerra Russia Ucraina

L’introduzione di continue sanzioni da parte dei paesi occidentali alla Russia, che è uno dei Paesi principali di produzione di questo metallo, ha influenzato ed influenza notevolmente l’andamento del suo prezzo.

Dazi

I dazi all’import del prodotto grezzo gravano su questo settore.

Questo è un problema esistente già da tempo che però non viene risolto e continua a pesare sulle industrie che si occupano della trasformazione e dell’impiego a valle di questo metallo. A questo si può aggiungere la carbon tax europea.

Ovviamente tutti questi fattori hanno provocato un rincaro anomalo.

Soluzioni

Nonostante gli operatori finanziari sin da febbraio di quest’anno abbiano ritenuto che tali prezzi non fossero sostenibili e abbiano segnalato delle aspettative di riduzione, si è notato comunque che tali riduzioni non sono state così significative da normalizzare i costi dell’alluminio riportandoli ai valori pre-pandemia.

Tuttavia esiste una soluzione per sfruttare le materie prime (tra cui l’alluminio) a proprio vantaggio.

Scopri come, con i nostri percorsi formativi, oggi 6000 persone partite da zero si stanno tutelando trasformando la situazione attuale in un occasione di guadagno mensile costante.